Questa pagina web contiene cookies, al fine di tracciare il funzionamento e l'utilizzo del sito. Ogni operazione di trasferimento
e trattamento da noi condotta avverrà in conformità all'Informativa sulla privacy e dei cookies indicata nella sezione “Privacy”.
La prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o la selezione di un elemento dello stesso
(ad esempio, di un'immagine o di un link) comporta la prestazione del consenso all'uso dei cookie.
Autorizzi l'archiviazione delle informazioni nel tuo pc, ai sensi dell'art. 122 D.lgs 196/2003 così come modificato dal D.lgs 69/2012?

    Accetto     Maggiori informazioni

Onde d'urto

COSA SONO LE ONDE D’URTO?

Le onde d’urto sono onde acustiche, quindi di natura meccanica, che inducono un effetto biologico sui tessuti ai fini terapeutici. La stimolazione con onde d’urto non induce un effetto lesivo sulle cellule, ma la produzione di fattori di crescita e altre sostanze ( enzimi, prostaglandine…) in grado di ridurre lo stato infiammatorio e favorire fenomeni di rigenerazione tessutale e di neoangiogenesi.

CI SONO DIVERSI TIPI DI ONDE D’URTO?

Le onde d’urto utilizzate in ambito ortopedico si distinguono in:
    ONDE D’URTO FOCALI
    prodotte attraverso un generatore elettromagnetico o piezoelettrico che vengono usate per trattare:
  • TENDINI
  • ARTICOLAZIONI
  • OSSO
    ONDE D’URTO RADIALI o “balistiche”
    vengono usate per trattare:
  • MUSCOLI
  • FASCE MUSCOLARI
  • TRIGGER POINTS

IL LORO SCOPO E’ DI ROMPERE LE CALCIFICAZIONI?

Le onde d’urto usate in ambito ortopedico non rompono le calcificazioni con un effetto di frantumazione fisica, fenomeno che invece avviene nei trattamenti di litotrissia dei calcoli renali in ambito urologico (EFFETTO MECCANICO DI TIPO FISICO). Viceversa la scomparsa dei depositi calcifici molli in sede tendinea o legamentosa avviene per un meccanismo biologico di rimaneggiamento che normalmente necessita di mesi e più di un ciclo di trattamenti con onde d’urto (EFFETTO MEDIATO DAI MACROFAGI E DALLA LIBERAZIONE DI MEDIATORI BIOCHIMICI SPECIFICI).

QUINDI SONO APPLICABILI IN FASE ACUTA?

Le patologie acute rispondono bene al trattamento con onde d’urto, grazie alla risoluzione dei processi infiammatori che generano dolore. L’operatore deve regolare l’intensità dell’energia e il numero dei colpi in relazione alla patologia , al grado di infiammazione e al dolore individuale.

SI SENTE MOLTO DOLORE DURANTE IL TRATTAMENTO?

Le onde d’urto sono una metodica sicura, efficace, non invasiva, priva di effetti collaterali di rilievo e ben tollerata, se eseguita con protocolli adeguati da personale specializzato con apparecchiature idonee. Il protocollo frequentemente più utilizzato è caratterizzato da un ciclo di tre sedute alla settimana. Dopo una pausa di circa un mese , in relazione allo stato clinico, si decide per un secondo ciclo di onde d’urto con la stessa cadenza.

QUALI SONO LE PATOLOGIE CHE MEGLIO RISPONDONO AL TRATTAMENTO CON ONDE D’URTO?

  • Patologie infiammatorie e/o degenerative dei tendini con o senza calcificazioni (cuffia dei rotatori, tendine achilleo, tendine rotuleo…)
  • Entesiti (epicondilite, fascite plantare, talloniti con o senza spine calcaneali)
  • Trocanteriti femorali e borsiti
  • Algodistrofie e fratture da stress
  • Trigger points e sindromi mio-fasciali
  • Algie croniche vertebrali

QUALI APPARECCHIATURE VENGONO USATE IN DINAMICA MEDICA?

    Nel nostro centro utilizziamo apparecchiature della ditta STORZ MEDICAL:
  • DUOLITH SD1 TABLE TOP ULTRA (onde focali con generatore elettromagnetico)
  • MASTERPULS MP200 (onde radiali)